Sventato il tampone nei cinema anche per i vaccinati?

Mario Draghi valuterà nuove restrizioni fino all'ultimo, intanto il ministro Dario Franceschini si oppone alle rigide limitazioni per le sale

Non c’è ancora chiarezza attorno alle possibili restrizioni per i cinema (si è parlato di tampone obbligatorio anche per vaccinati e guariti) che il Governo potrebbe imporre durante le festività. Il presidente Mario Draghi ha dichiarato che osserverà fino all’ultimo l’andamento della curva epidemiologica – in costante rialzo a causa del diffondersi della variante Omicron – per poi prendere una decisione. Sono al vaglio nuove restrizioni per gli eventi affollati, a partire da feste, pub e discoteche, dove potrebbe essere richiesto un tampone anche per vaccinati e guariti (misure a cui i presidenti delle Regioni si sono già opposti). Sembra più difficile, invece, che questa misura entri in vigore anche per i cinema, specialmente dopo le parole di ieri del ministro Dario Franceschini che si è dichiarato contro restrizioni di questo tipo per le sale (duro anche l’appello del presidente Anec, Mario Lorini).
Nel frattempo il Governo sta vagliando limitazioni quali l’obbligo di mascherina all’aperto, l’obbligo di indossare una mascherina ffp2 sui mezzi pubblici, ma anche l’idea di accorciare il periodo di validità del super green pass. Ad ogni modo il presidente Mario Draghi ha affermato di voler fare di tutto per non interrompere le attività economiche italiane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
In caso di citazione si prega di citare e linkare boxofficebiz.it