19 Novembre 2020  16:09

Il 21 NOVEMBRE È IL WORLD TV DAY

Redazione Web
Il 21 NOVEMBRE È IL WORLD TV DAY

In occasione della giornata mondiale dedicata alla tv promossa dall’ONU, l’associazione delle concessionarie FCP-Assotvtrasmette degli spot sui valori e le differenze della TV

Il 21 Novembre si celebra il World Tv Day, giornata mondiale dedicata alla televisione promossa dalle Nazioni Unite. Per l’occasione, FCP-Assotv, l'associazione delle concessionarie tv, trasmetterà durante il World Tv Day uno spot con i valori e le differenze della TV.
Il tema di questa importante giornata è TV makes a difference. Perché: 1)​La TV è sempre più centrale nel consumo mediale e nelle scelte di comunicazione; 2) La TV è una scelta a forti valenze sociali con informazione e intrattenimento di qualità; 3) La TV si trasforma, ampliando accessi e modi di fruizione e i formati pubblicitari; 4) La TV vivrà un nuovo switch off nel 2022.

Gli spot di FCP-Assotv invitano a riflettere su 4 aspetti. Il primo è la centralità del mezzo TV e Totale Ascolto in crescita nel 2020: Il 2020 è un anno “indimenticabile” con cambiamenti e accelerazioni definite “secolari”. I media sono stati profondamente colpiti e la TV è stata sempre presente durante tutte le difficili fasi che abbiamo attraversato con un totale ascolto in crescita, complessivamente a doppia cifra (+11%) e ancora di più durante le fasi del lockdowndi primavera (+35/40%).

Il secondo aspetto è il ruolo sociale del media tra informazione e intrattenimento di qualità: La TV ha continuato ad offrire un mix bilanciato di informazione di qualità, professionale e certificata in un mondo inflazionato di fake news, e produzioni originali di intrattenimento, permettendo la necessaria distensione. Ha così affermato il proprio ruolo “sociale” nei momenti di maggiore bisogno.

Il terzo aspetto è la trasformazione digitale della TV, come fruizione del mezzo ed offerta pubblicitaria: anche la TV si trasforma digitalmente e il 2020 ha accelerato cambiamenti che resteranno nel tempo: fruizione multimodale (live o livestreaming o on demand), multischermo (TV, smart TV, smartphone, tablet, desktop etc.) e sempre più personalizzata.
Le concessionarie TV hanno sviluppato la propria offerta di advanced advertising, veicolando formati innovativi sugli schermi diffusi, per estendere la reach e migliorare le campagne stesse. E infine il quarto aspetto è la TV come “bene di cittadinanza” e l’importanza dello switch off del 2022: un anno “indimenticabile” che ha ri-dimostrato come la TV sia una risorsa di sistema per le aziende per sostenere i propri business e un “bene di cittadinanza fondamentale nella società contemporanea, da sostenere e tutelare” che dovrebbe avere nell’agenda politica almeno la stessa importanza data alla banda larga.

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 07 Ottobre 2020
    New Normal, NEW TV
    C’è un’espressione ricorrente in queste settimane di ripresa autunnale, seguita al terribile lockdown del Paese, ed è New Normal.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 18 Gennaio 2013
    Donne in tv, il nodo della pubblicità
    Istituire elenchi “rosa” di esperti da chiamare nelle trasmissioni radiotv per fornire commenti su fatti specifici, sulla falsariga di quanto fatto recentemente in Francia.

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy