25 Febbraio 2021  17:16

Fnac Darty: il nuovo piano strategico

Elena Gandini
Fnac Darty: il nuovo piano strategico

Un 2020 dai dati eccellenti sull'online

Il gruppo di elettronica Fnac Darty, anche proprietario di Vanden Borre, ha beneficiato di un anno 2020 molto positivo sul lato online e ora tenta di rimanere al top, grazie a una nuova strategia. In Belgio, ad esempio, lanceranno un servizio di abbonamento per le riparazioni.

Le vendite di Fnac Darty sono aumentate dell'1,9% durante l'anno Covid arrivando a 7,5 miliardi di euro o 0,6% su base comparabile. Nel quarto trimestre, in particolare, il rivenditore di elettronica ha venduto il 9,6% in più, nonostante i gravi blocchi per pandemia, in paesi come Francia e Belgio. Di conseguenza, l'anno si è trasformato in un anno digitale per il gruppo francese: le vendite di e-commerce sono cresciute di oltre il 55% e hanno rappresentato il 29% del globale.

Cinque milioni di nuovi clienti online attivi hanno utilizzato il sito Web e il 64% del traffico sui suoi siti proveniva da dispositivi mobili. Tuttavia, ciò che si è distinto per il gruppo è stata la sua crescita omnicanale: nel quarto trimestre, in particolare, i clienti hanno utilizzato il click & collect del 40% in più rispetto al 2019. Per l'intero anno, quasi il 30% in più degli ordini sono stati elaborati.

Tuttavia, la crisi Covid e tutte le sue conseguenze costano naturalmente denaro: l'utile netto è stato di 96 milioni di euro, 19 milioni di euro in meno rispetto all'anno precedente. Il Belgio e il Lussemburgo hanno contribuito a questo risultato operativo per 13 milioni di euro, un milione di euro in più rispetto al 2019. Ha registrato un aumento delle vendite dell'1,4 per cento su base comparabile, principalmente perché le vendite di e-commerce sono quasi raddoppiate e anche i grandi elettrodomestici hanno hanno avuto una notevole richiesta.

Il nuovo piano strategico, Everyday, si basa sul precedente piano omnicanale del gruppo, ma aggiunge un altro livello di sostenibilità. La strategia si basa su tre pilastri: consulenza, sostenibilità e servizio. In tal modo, il rivenditore mira a raggiungere un flusso di cassa libero ricorrente di 240 milioni di euro entro il 2025 e restituire i dividendi agli azionisti. Per il 2020 è già previsto un dividendo di un euro per azione.

Everyday è un piano particolarmente ambizioso che ci impegna in una strategia dirompente senza precedenti, accelerando il lancio del nostro modello omnicanale. Questo nuovo piano strategico è la nostra risposta alla crescita della digitalizzazione dei consumi, la comprovata importanza del contatto umano quotidiano e l'urgente necessità di farlo lavorare per un consumo più in linea con le sfide sociali e ambientali. Come rinomato leader omnicanale, Fnac Darty costruirà il suo futuro di conseguenza, reinventando il modo in cui servire i suoi clienti da qui al 2025. Per fare ciò, investiremo nel nostro ecosistema digitale, nel tentativo di evidenziare le risorse più forti dei nostri marchi, con consigli e raccomandazioni per semplificare il procedimento del cliente. Attraverso le nostre iniziative di sostenibilità dei prodotti, inviteremo i nostri clienti e partner a fare consumo più sostenibile. Infine, rafforzeremo le nostre relazioni quotidiane con i clienti, che sono già basate sulla fiducia, attraverso un nuovo servizio di assistenza domiciliare in abbonamento, fornendo la migliore gamma di prodotti e servizi rispetto all'intrattenimento, alla tecnologia e alle attrezzature" ha dichiarato Enrique Martinez, amministratore delegato di Fnac Darty.

Nei prossimi cinque anni, metà dell'intero budget di investimento andrà alla crescita digitale, in particolare alla modernizzazione e all'automazione della piattaforma logistica. Anche la user experience migliorerà, come detto da Martinez, mettendo i consigli dei venditori "al centro dell'esperienza digitale". Fnac Darty vuole quindi coinvolgere i negozi fisici e i team di vendita nel mondo online. Allo stesso modo, tutti i suoi negozi dovrebbero diventare redditizi entro il 2025.

Il gruppo electro gioca anche la carta della sostenibilità concentrandosi sulle riparazioni e prolungando la durata dei prodotti. Ad esempio, il rivenditore sta lanciando i propri punteggi di sostenibilità, che valuteranno i prodotti in base all'affidabilità e al modo in cui possono essere riparati. Entro il 2025, Fnac Darty vuole riparare 2,5 milioni di prodotti all'anno, il 50% in più rispetto al 2019. Il gruppo sta anche implementando servizi legati ad esso, come quello di riparazione Darty Max e la vendita di pezzi di ricambio.

Il focus? Trasforare tutto in una terza ambizione: il gruppo francese vuole "diventare il più grande fornitore di assistenza domiciliare". Vuole farlo disponendo di un servizio di riparazione in abbonamento, senza limiti o obblighi, che prolunghi il ciclo di vita del prodotto. Per gli articoli per la casa di grandi dimensioni, Darty Max ha gettato le basi nel 2019 e l'equivalente belga Vanden Borre Life sarà lanciato all'inizio di quest'anno.

Contenuti correlati : Fnac Darty
Iscriviti alla nostra newsletter

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Bianco e Ped

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy